OSSIGENO OZONO TERAPIA

È una terapia basata sull’uso di una miscela di ossigeno ed ozono a fini terapeutici.

Gli Effetti dell’Ozono:

– Azione Anti-infiammatoria ed Antalgica (Riduzione del Dolore)
– Attivazione dei processi riparativi e rigenerativi
Ossigenazione: aumenta l’ossigeno in circolo e nei tessuti, riattivando il microcircolo e l’ossigenazione periferica.
Azione Antiossidante: perchè riattiva i sistemi difensivi ossidanti e aiuta il corpo a difendersi dai processi ossidativi dell’invecchiamento tipici delle patologie croniche in cui è coinvolto lo stress ossidativo.
Azione disinfettante: l’ozono è un agente molto potente nei confronti di batteri, funghi, virus e parassiti.
Azione di fluidificazione del Sangue
– Immunostimolazione e immunomodulazione
– Riduzione dell’insulino-resistenza
– Azione detossificante 

Modalità di utilizzo:

L’Ossigeno Ozono Terapia può essere eseguita tramite:

Infiltrazione
Utilizzando una siringa sterile che viene riempita di ozono sul momento e subito infusa nel paziente. Esempi di applicazione specifici sono i seguenti:

  • Intra-muscolare Paravertebrale: per il trattamento delle ernie del disco
  • Intra-articolare: specie per le patologie del ginocchio e della spalla
  • Peritendinea: per le tendiniti che non si risolvono con il trattamento fisioterapico
  • Sottocutanea: per fini cosmetici, nella panniculite e cellulite fibro-edementosa

Insufflazione
Tipologia vaginale o rettale o vescico-uretrale, per le infezioni genitali non responisve a terapia antibiotica. Il gas viene insufflato con un catetere nel canale indicato.

Autoemo trasfusione
Con tale modalità viene prelevato in flaconi sterili il sangue del paziente, come in un normale prelievo, poi ad esso viene miscelato l’ozono. Il sangue miscelato viene direttamente reinfuso nel paziente.

EXIS accoglie i Pazienti Sostenitori dell’Associazione Medici Ossigeno Ozono Terapia e Ricerca Amor Onlus –  “Fondazione Guarino Maria Onlus”. L’Ente ha la finalità di promuovere e divulgare la ricerca, la cultura e l’utilizzo della Ossigeno Ozono Terapia, anche quale metodica parallela alle cure mediche tradizionali.
Per maggiori informazioni visita il sito https://www.amoronlus.com

Quando si usa l’Ossigeno OzonoTerapia:

Ortopedia
Con riferimento alle patologie a carico dell’apparato Osteo-articolare e Muscolo-Scheletrico, caratterizzate da spiccata sintomatologia dolorosa, la terapia trova efficacia sia nelle affezioni acute, sia nelle manifestazioni infiammatorie, sia in quelle degenerativo-croniche.
Nello specifico l’Ossigeno Ozono Terapia risulta efficacia nel trattamento delle seguenti problematiche:

– cervicalgie e dorsalgie, lombalgie e lombo sciatalgie (da protusioni ed ernie discali o da contratture muscolari dolorose)
– periartrite scapolo-omerale, artrosi del ginocchio, epicondiliti e borsiti del gomito, distorsioni, fibromialgie, talalgie, tendinopatie acute e croniche, artrite reumatoide, sindrome del tunnel carpale, morbo di De Quervain

Riabilitazione post-trauma e post intervento
nell’ambito di un trattamento riabilitativo post-traumatico, antinfiammatorio, antidolorifico e decontratturante.

Osteoartrosi
L’Ossigeno Ozono Terapia è indicata in caso di osteoartrosi, una malattia degenerativa che interessa le cartilagini articolari condizionando il normale svolgimento delle più comuni attività quotidiane, quali quelle domestiche o quelle legate alla cura della persona.
La sinergia fra le cure convenzionali (farmacologiche e fisioterapiche) e quelle con l’Ossigeno Ozono Terapia può dar luogo ad un netto miglioramento nell’osteoartrosi in termini di riduzione costante della fase degenerativa che della sintomatologia dolorosa. In tal senso l’Ossigeno Ozono Terapia può favorire il rilassamento delle  favorisce il rilassamento delle fasce muscolari coinvolte con conseguente recupero nella flessibilità e funzionalità complessiva.

Arteriopatie periferiche
L’Ossigeno Ozono Terapia è indicata nei problemi di circolazione arteriosa, per il suo effetto positivo sulle condizioni di insufficiente apporto di ossigeno (arteriopatie obliteranti con claudicatio intermittens, cianosi e alterazioni trofiche).

Patologie vascolari
La terapia con Ossigeno Ozono è indicata nel trattamento di problemi di circolazione sia arteriosa sia venosa, nelle ulcere da decubito e croniche. In questi ultimi casi si associano l’effetto disinfettante dell’ozono e la riepitelizzazione dei tessuti, ossia la loro guarigione. Si possono avere risultati significativi anche nel trattamento delle patologie del microcircolo, come cefalee vasomotorie e/o a grappolo e maculopatia.

Malattie venose
Il trattamento con Ossigeno Ozono dell’insufficienza venosa cronica può avere risultati positivi, rappresentanti da un significativo miglioramento della condizione vascolare di entità.
Inoltre, è stata dimostrata l’efficacia della terapia con ozono nel trattamento di piaghe ed ulcerazioni: si ottengono disinfezione delle lesioni e conseguente effetto trofico.
Il processo di guarigione è favorito, per migliorato apporto di ossigeno nell’area danneggiata e accelerazione dei processi metabolica.

Gastroenterologia e patologie Colon-Procto-Rettali
Dismicrobismi intestinali, colibacillosi, colite spastica e atonica, colon irritabile, meteorismo, stitichezza, diarrea, intolleranze alimentari, candidosi intestinale, Diverticolosi e diverticolite del colon, Emorroidi, Proctiti, Ragadi ed Eczemi anali, Colite ulcerosa e Morbo di Crohn

Patologie Uro-Genitali
Cistiti ed uretriti recidivanti e persistenti (resistenti a terapia antibiotica o antimicotica), Endometriti e vulvo-vaginiti batteriche o micotiche recidivanti e persistenti (resistenti a terapia)

Dermatologia
Herpes Simplex ed Herpes Zoster, Psoriasi. Cellulite.

Geriatria
Arteriosclerosi, Sclerosi celebrale, Morbo di Parkinson, decadimento senile e demenza (senile, vasculopatica e di Alzheimer).

Controindicazioni alla Ossigeno Ozono Terapia
L’Ossigeno Ozono Terapia è controindicata nei seguenti casi:
– Sport Agonistici, le attuali normative in materia doping ne vietano l’utilizzo per via sistemica da parte di coloro che si preparano ad una gara o che partecipano ad una competizione agonistica
– Gravidanza
– Pazienti affetti da Favisamo – Deficit di Glucosio6Fosfato deidrogenasi
– Pazienti in terapia con dicumarolici (Cumadin)
– Pazienti con anamnesi positiva per epilessia

Per maggiori informazioni

EXIS srl unipersonale – Direttore Sanitario Dott. Marco Fravisini | P.IVA 03509100404 | Cookie Policy | Credits