FRATTURA DELLO SCAFOIDE

Patologia – Trattamento

Lo scafoide è un osso breve del carpo che si pone nella fila prossimale, lateralmente all`osso semilunare. L`osso si articola con il radio, il capitato, il trapezio ed il trapezoide.

Le fratture dello scafoide sono le più frequenti: avvengono in seguito ad una caduta con la mano in iperestensione e possono associarsi a lesioni dei piccoli legamenti che circondano lo scafoide e lo stabilizzano con le altre ossa del carpo (in particolare con l`osso semilunare).
Le classificazioni sulla gravità si basano sul decorso e livello della rima di frattura; le più frequenti sono: prossimali, distali e istmiche.

Questa frattura è tra le più complicate perché l’osso scafoide è circondato da cartilagine per quasi tutta la sua superficie. Il tessuto cartilagineo è poco vascolarizzato e le sostanze nutrienti che aiutano alla formazione del callo osseo arrivano in maniera ridotta. Il rischio maggiore della frattura è l’interruzione di piccoli vasi sanguigni che comporta la necrosi dell’osso.

E’ necessario intervenire prontamente, nonostante sia difficile diagnosticarne la frattura. In genere si avverte un dolore di varia intensità alla base del pollice che aumenta muovendo polso e dita ed un ematoma esteso in corrispondenza della frattura.

Trattamento

Il trattamento è conservativo per le fratture a prognosi benigna (istmiche e distali) e consiste nel confezionamento di un gesso antibrachio-metacarpale con pollice da tenere 6-10 settimane.

Le fratture prossimali invece occorre trattarle chirurgicamente con osteosintesi attraverso una piccola vite cannulata (vite di Herbert) e immobilizzazione con tutore per circa due settimane.

Al momento della rimozione del gesso o del tutore, che avviene in seguito alla guarigione comprovata radiograficamente, è opportuno iniziare un ciclo di terapie riabilitative volte al recupero dell’articolarità e della forza a carico della muscolatura intrinseca ed estrinseca della mano. Il programma terapeutico si completa con esercizi specifici di terapia occupazionale e recupero di gesti tecnici sportivi.

Exis predispone protocolli di trattamento personalizzati per ogni singola esigenza. Il nostro personale è a disposizione per colloqui gratuiti di approfondimento.

Per maggiori informazioni

EXIS srl unipersonale – Direttore Sanitario Dott. Marco Fravisini | P.IVA 03509100404 | Cookie Policy | Credits